sabato 2 aprile 2011

I CATTOLICI CON LA PATENTE


Cercando di essere aggiornato sulle vicende di questa crisi della Chiesa post-conciliare sul sito del Dott. Colafemmina viene riportata in un video una danza, forse di iniziazione primaverile non so, di alcune donzelle che, come tanti cattolici patentati pensano di piacere a Dio in questo modo.
Nuovo culto cattolico
I cattolici patentati sono quei credenti appartenenti ai movimenti ecclesiali che vivono l’”esperienza religiosa” secondo gli insegnamenti dei leaders dei gruppi cui fanno parte chi più chi meno.
Uso questo appellativo dopo essere uscito da un gruppo di preghiera che decise di entrare a far parte del rinnovamento dello spirito, per carità composto di tutte brave persone a cui voglio veramente molto bene (ci sono anche quelli che lo fanno inconsapevolmente), ma pur sempre un movimento ecclesiale con la patente di cattolico.
Dico con la patente poiché tutte queste sette, neocatecumenali, carismatiche, focolarini e quant’altro hanno la patente di cattolici che gli  è stata consegnata dalla gerarchia ecclesiastica conciliare e postconciliare ma nulla hanno di cattolico in quello che insegnano, professano e manifestano.
Dunque riporto un estratto del discorso del parroco di Santi Pietro e Paolo di Oleggio Don Giuseppe Galliano ripreso dal sito dell’ottimo Dott. Colafemmina.
"Gesù non è l’Uomo del culto, è l’Uomo della vita. Gesù non battezza, non celebra la Messa, non confessa, non dà l’Unzione degli infermi, non celebra matrimoni o funerali. Gesù non fa tutto quello che costituisce l’apparato liturgico cultuale di ogni religione, anche della nostra. Gesù è l’Uomo della vita, porta il Divino nella vita. Noi, come Chiesa, abbiamo un apparato liturgico: la Messa, le Liturgie varie, alle quali si dà un’importanza esagerata, come se fosse il fine, non il mezzo.
Il vero Culto Cattolico dovuto a Dio Padre
Con questo versetto si vuole evidenziare che le varie liturgie sono un mezzo, per arrivare al fine, che è l’esperienza del Divino. La Messa è una cena con Gesù. Il Sacramento del matrimonio, a parte i due sposi, che celebrano le loro nozze, è un’esperienza di guarigione dell’Amore. Il funerale è un’esperienza di guarigione dalla perdita delle persone care. Significa, quindi, celebrare il Sacramento e le altre Liturgie, per farle passare nella vita."
Ora per questo parroco patentato la liturgia è un apparato, composto da messa ecc. a cui si da importanza in modo esagerato e la messa, cioè il sacrificio di Nostro Signore Gesù che si offre nuovamente al Padre per la nostra salvezza presente realmente sotto le specie del pane e del vino sarebbe solo una “cena con Gesù”, speriamo almeno che non cucini Giuda!
Questo concetto è PROTESTANTE e NON E’ CATTOLICO, esso ha solo la patente di cattolico!
Non può mancare certamente il concetto di esperienza divina basato sul sentimentalismo e sull’irrazionalità del tutto soggettiva visto che la liturgia ha poca importanza.
“L’incontro con Dio” è qualche cosa diverso nella Chiesa cattolica.
San Tommaso dice ad esempio che il giudizio più alto sulle cose divine è il settimo dono, quello della Sapienza, il quale ci fa gustare la presenza di Dio in noi attraverso una vita di profonda fede ed ascetica quindi del tutto oggettiva.
Val bene ricordare al parroco quanto detto da papa Pio XII: La sacra Liturgia è pertanto il culto pubblico che il nostro Redentore rende al Padre, come Capo della Chiesa, ed è il culto che la società dei fedeli rende al suo Capo e, per mezzo di Lui, all'Eterno Padre: è, per dirla in breve, il culto integrale del Corpo mistico di Gesù Cristo, cioè del Capo e delle sue membra. (Mediator Dei parte I)
Infine è necessario innanzi tutto adoperarsi a che tutti obbediscano con la dovuta riverenza e fede ai decreti pubblicati dal Concilio di Trento, dai Romani Pontefici, dalla Congregazione dei Riti, e a tutte le disposizioni dei libri liturgici in ciò che riguarda l'azione esterna del culto pubblico. (Mediator Dei parte II)
Cosa c’è da aspettarsi dalla gerarchia ecclesiastica quando non solo un’enciclica ma persino un intero concilio dogmatico ed una bolla “da valere in perpetuo” furono snobbati nella riforma del massone cardinal Bugnini.
Gesù avrebbe reso culto così a Suo Padre?
                                                                                                                    Stefano Gavazzi


                                                                    Guarda il video

14 commenti:

  1. Estate 2012 "padre giuseppe il guaritore" va in crociera sul mare con i suoi "prescelti" (eh già perchè loro si ritengono tali,ovvero prescelti da Dio)...e dorme in camera con un uomo che si vocifera sia il suo amante...almeno così ridendo dicevano i suoi discepoli durante l'allegra vacanza dove il sacerdote(??) sfoggiava abbigliamento firmato e all'ultima moda...quest'anno pare voglia ripetere la splendida esperienza di vacanza(probabilmente l'annuale settimana vacanziera in Val D'Aosta in montagna non lo soddisfa abbastanza).Mensilmente continua a volare per l'Italia per celebrare le sue messe di "guarigione"( lo invidio perchè io non dispongo di somme così cospicue da fare una così dolce vita)... I gruppi che lo seguono proclamano ripetuti miracoli di guarigione,hanno visioni e profezie,e affermano di parlare con il Signore.Non dimentichiamo poi le ministre di Dio che danno la Santa Comunione e in giro per le strade si sentono autorizzate a dare anche benedizioni...Chi non segue il loro gruppo ha dentro il diavolo perchè ovviamente seguire una messa normale di un prete normale non va bene e non serve a nulla... Quanto ci vorrà perchè il cardinale di Novara o il Vaticano o qualche buon prete metta fine a questo schifo?? La Chiesa ha bisogno di discepoli e perciò raccatta anche questi fanatici millantatori??Che disgusto...dove finiremo?? Vi riporto un pezzo del Vangelo secondo Matteo 6,7-15 Gesù insegna a pregare:“Pregando, non sprecate parole come i pagani, i quali credono di venire ascoltati a forza di parole. Non siate dunque come loro, perché il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno ancor prima che gliele chiediate."
    Seguite una loro "messa" e vi renderete conto di come continuino a dire lode lode,lode grazie e parole senza senso a velocità assurda perchè è evidente che stanno solo straparlando,il tutto condito da urli,grida e applausi degli altri presenti.
    Che qualcuno metta fine a questa immondizia che con Dio non ha nulla a cui vedere

    RispondiElimina
  2. http://www.nostrasignoradelsacrocuore.it/

    questo il sito giusto per accedere e vedere di persona

    RispondiElimina
  3. Purtroppo ho visuto tutto questo di persona e dolendomene ne ho fatto parte, nessun potrà a livello umano fare più nulla, solo Nostro Signore risoleverà direttamente la questione e risolleverà la Sua Chiesa dalla situazione in cui l'hanno portati gli uomini di Chiesa.
    Sono cattolici ...con la patente.
    saluti
    CVCRCI
    Stefano

    RispondiElimina
  4. Sono una setta, una delle tante. Purtroppo hanno la patente di cattolici, di regolarità e questo inganna molti. E' spaventoso come siano un solo pensiero e una sola voce, non c'è spazio per chi dissente e il don Giuseppe è davvero un leader carismatico dalle cui labbra tutti pendono. E' un gruppo di persone che si riunisce a far festa, vacanze, cene al ristorante sotto l'egida della religione.

    RispondiElimina
  5. E' una religione a parte, costruita dal millantatore (padre?) Giuseppe, uno che ha mescolato la religione cattolica con il buddismo, parlando di chakra e quant'altro ancora.....Una riflessione: come mai non si è fatto buddista? Forse perchè i soldi che guadagna come prete non li avrebbe mai visti come buddista? Come pure tutte le sue sedute di meditazione di 150€ l'ora..... Perchè gli organi ecclesiali non prendono provvedimenti nel spogliare questo falso profeta? Perchè non viene segnalato al nostro santo pontefice Francesco? Vi dico che il nostro bene amato pontefice prende subito provvedimenti della questione, perchè questo pazzo prete legalizzato, sta trascinando centinaia di migliaia di persone verso una strada che non è quella di Gesù. Sta deviando con quelle sue spiegazioni pagane-sataniche, tante persone disperate, dicendo che i 10 comandamenti erano per gli ebrei e non per noi, che dobbiamo chiedere " io voglio" verso Gesù, quando poi lo stesso Gesù il Cristo disse al Padre, " sia fatta la tua volontà e non la mia". Purtroppo questo " soggetto" amante degli abiti firmati, induce le persone fragili moralmente e spiritualmente , a pendere dalle sue labbra come robot. Spero che il vescovo di Novara faccia qualcosa, prenda dei severi provvedimenti.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi duole leggere che un vero pastore del Signore sia sottoposto a tale infame giudizio. Ma ... del resto, se l'umanità cieca ha crocifisso il suo Salvatore, non riconoscendolo, potrebbe mai apprezzare il Servizio umilmente quanto efficacemente reso da P. Giuseppe?
      Ringrazio di cuore P. Giuseppe, perchè mi ha insegnato, attraverso la Preghiera del Cuore, a cercare Dio in me stesso e ad unirmi a Lui (Il regno di Dio è dentro di Voi (Luca 17, 21); Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui (giovanni 14, 23)). QUESTO e solo QUESTO dovrebbe essere il vero CRISTIANESIMO!!!

      Elimina
    2. confermo ! La fraternità è una setta. Ne ho fatto parte anch'io e ne sono uscito. Ma la mia domanda è, il vescovo di Novara , perché non lo ha ancora sospeso? Forse non potremo più fidarci nemmeno della curia.! Possibile che non abbiamo ancora verificato le situazione?

      Elimina
    3. confermo ! La fraternità è una setta. Ne ho fatto parte anch'io e ne sono uscito. Ma la mia domanda è, il vescovo di Novara , perché non lo ha ancora sospeso? Forse non potremo più fidarci nemmeno della curia.! Possibile che non abbiamo ancora verificato le situazione?

      Elimina
  6. il fumo di satana è entrato in chiesa. Il segretario del vescovo protegge padre Galliano e forse chi lo sa anche altre persone della curia.

    RispondiElimina
  7. Io non so nulla di queste cose ma quando assistevo ad un sua messa stavo bene x parecchio tempo con Dio e con me. Padre Giuseppe mi manchi

    RispondiElimina
  8. Io non so nulla di queste cose ma quando assistevo ad un sua messa stavo bene x parecchio tempo con Dio e con me. Padre Giuseppe mi manchi

    RispondiElimina
  9. io trovo vergognoso che persone che si professano cristiani abbiano atteggiamenti di giudizio e mancanza di misericordia espressi con tanta leggerezza. Non conosco p. Giuseppe ma la parola di Dio mi insegna a non giudicare, soprattutto i sacerdoti. Tutti rispondiamo a Dio un giorno.

    RispondiElimina
  10. Ho letto i commenti e alcuni li ritengo veramente senza senso.io ho cominciato a frequentare il gruppo di preghiera di Oleggio e a partecipare alle messe di Padre Giuseppe tanti anni fa in un momento della mia vita veramente nero e ora a distanza di tempo posso dire che grazie a Padre Giuseppe ho trovato la forza di continuare ad andare avanti guardando oltre come lui spesso ripete. Mi ha insegnato a trovare Gesù nel mio cuore. Mio figlio è ancora malato ma io ho la forza di stargli accanto. Lui non promette guarigioni fisiche ma dell'anima eavolte è proprio questa a essere più malata. Spero nel futuro che papà Francesco possa assistere a una messa di Padre Giuseppe xche sono certa che il suo commento non potrà che essere favorevole. Grazie padre Giuseppe

    RispondiElimina
  11. Ho letto i commenti e alcuni li ritengo veramente senza senso.io ho cominciato a frequentare il gruppo di preghiera di Oleggio e a partecipare alle messe di Padre Giuseppe tanti anni fa in un momento della mia vita veramente nero e ora a distanza di tempo posso dire che grazie a Padre Giuseppe ho trovato la forza di continuare ad andare avanti guardando oltre come lui spesso ripete. Mi ha insegnato a trovare Gesù nel mio cuore. Mio figlio è ancora malato ma io ho la forza di stargli accanto. Lui non promette guarigioni fisiche ma dell'anima eavolte è proprio questa a essere più malata. Spero nel futuro che papà Francesco possa assistere a una messa di Padre Giuseppe xche sono certa che il suo commento non potrà che essere favorevole. Grazie padre Giuseppe

    RispondiElimina