mercoledì 29 febbraio 2012

AVANTI SOTTO A CHI TOCCA!

Esclusivo/ Don Giussani ha guarito i bambini malati. Ecco i suoi miracoli. Beatificazione vicina

Mercoledì, 29 febbraio 2012 - 09:48:00
di Antonino D'Anna
"Allora, come va con don Giussani? C'è il miracolo?". "Posso dire che abbiamo già raccolto delle intercessioni attribuite a lui. Dopo una cernita, le presenteremo nel corso della causa di beatificazione". La notizia, che una fonte in Comunione e Liberazione rivela ad Affaritaliani.it, ha due significati: il primo, che don Luigi Giussani avrebbe (questo sarà poi valutato nel corso del processo di beatificazione) già compiuto delle intercessioni buone per essere riconosciute come miracoli; la seconda è che quindi la causa potrebbe procedere - salvo intoppi - speditamente nei due gradi (diocesano e Vaticano, presso la Congregazione per le Cause dei Santi) previsti dal diritto canonico della Chiesa cattolica.
BAMBINI E AMMALATI- La fonte è tenuta al massimo riserbo sul contenuto delle intercessioni (ricordiamo che per aversi la beatificazione sarà anche necessaria l'analisi di un miracolo, ossia di una guarigione scientificamente inspiegabile ottenuta per intercessione, ossia per le preghiere e per la fede, del candidato alla beatificazione e poi alla santità), ma ci dà un indizio: "Basta andare a vedere la tomba di don Giuss per capire che cosa riguardano le intercessioni. Posso aggiungere che le abbiamo raccolte dal 2005, dopo la morte di don Luigi. E ancora oggi riceviamo email con notizie di guarigioni" ottenute pregando il fondatore di Cl. Andiamo a visitare la tomba di don Giussani, al Cimitero Monumentale di Milano.
UN PELLEGRINAGGIO CONTINUO - Al Monumentale siamo con un'altra fonte, sempre dal movimento di don Luigi. Spiega: "Quando il Giuss è morto, gli hanno dato un posto nel Famedio (la cappella in cui sono sepolti cittadini che hanno dato fama a Milano, N.d.R.). Non appena lo hanno seppellito è iniziato un pellegrinaggio, discreto ma continuo, verso la sua tomba. La gente veniva al Famedio, portava lumini su lumini, e qui tu vedi anche l'amore per il don. Lo piangono e lo hanno pianto come un parente". Così tanta è stata la gente che ha visitato la tomba di don Giussani, che "qualche anno fa lo hanno spostato in un altro posto, più accessibile. È quello dove stiamo andando", in fondo al viale centrale. Ecco la tomba di don Giussani.
don giussani tomba

COME PAPA WOJTYLA - La sepoltura attuale è quella che accoglie le spoglie del fondatore di Cl dopo che il Famedio non solo si è rivelato inadatto a ospitare il pellegrinaggio continuo di devoti, ciellini e semplici fedeli, ma è stato anche - la notte dell'8 giugno 2006 - teatro della profanazione della tomba del fondatore di Cl. I ladri hanno rubato gli ex voto in argento deposti davanti alla tomba. Per questo il comune ha concesso a Comunione e Liberazione uno spazio apposito. Una tomba dalle pareti trasparenti, con un enorme blocco di pietra a contenere la bara di don Giussani (vedi foto). "Oh Madonna, tu sei la sicurezza della nostra speranza" è il motto che accoglie i visitatori. Qui la gente viene a pregare e lascia le sue intenzioni di preghiera, testimonianze, messaggi. Esattamente come accade a Roma nelle Grotte Vaticane, sulla tomba del beato Giovanni Paolo II, Karol Wojtyla.
WEEKEND DI PREGHIERE E TESTIMONIANZE - Ma è nel fine settimana che la tomba riceve le visite più numerose, anche con gruppi di fedeli che arrivano dall'estero. Vengono a ringraziare don Giussani per un'intercessione oppure a chiedere un aiuto. Che cosa vengono a cercare, qui? La fonte risponde: "Vengono o a chiedere la fede, a riscoprirsi credenti - e diciamo che in questo senso don Giuss ha fatto grazie spirituali. Oppure vengono, come è stato qualche tempo fa con un gruppo dalla Svizzera, a chiedere aiuto per qualche ammalato di cancro. E infine ragazzi e mamme con bambini, che vengono a chiedere la sua protezione". La preghiera è testimoniata anche e soprattutto nel corso delle Sante Messe festive che si tengono al Monumentale (in particolare quella delle 16), capaci di riunire tanti ciellini in cerca di un'intercessione. E non solo loro.

1 commento:

  1. Salve,
    sono il Presidente della Associazione Nazionale "Amici di Fatima", nata nel 1982 a Milano con lo scopo di diffondere il Messaggio di Nostra Signora di Fatima e riconosciuta dalla Chiesa Cattolica e dallo Stato Italiano. Chiedo al webmaster o gestore del sito di inserire un link al nostro sito ufficiale (noi linkeremo a nostra volta) così da incrementare la visibilità di entrambe le nostre pagine web. Speranzoso in un esito positivo resto con ansia in attesa di risposta.

    Cordialmente,
    Il Presidente Gaetano Capillo
    ilcidmt@gmail.com

    Il nostro indirizzo:
    http://amicidifatima.blogspot.com

    RispondiElimina